Vecchi timbri

I timbri li avevo acquistati da un robivecchi a Santo Stefano di Sessanio, la scorsa estate.

Il paesino si trova all’interno del Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga, un’esile roccaforte di pietra calcarea bianca che merita davvero una sosta (non per nulla è considerato uno  dei borghi più belli d’Italia). Il terremoto del 2009  ha lasciato anche qui il suo segno, distruggendo la torre che dominava il borgo, della quale rimane solo lo scheletro di ferro.

Vecchi timbri, dicevo, perchè di questo si tratta: li ho visti lì in quella cesta polverosa e mi ci son tuffata. Dovevo solo trovare un modo per riutilizzarli.

Ed ecco qui.

Oro

One thought on “Vecchi timbri

  1. Pingback: Zuppa di lenticchie alla moda di Santo Stefano di Sessanio | Con le mani in pasta

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...