Mani di fata

                                                                                                                                                                                                             La farò breve: non avrò MAI mani da signora.

Immagine

In realtà, non rientro nei parametri neppure per molte altre caratteristiche, tant’è, me ne farò una ragione.

A volte le mie mani sono così rovinate da smerigliare piuttosto che accarezzare. L’ultimo tentativo di manicure casalinga, con tanto di smalto annesso, ha avuto una durata di meno di 24 ore. Poco importa. Continuerò ad invidiare le mani lisce ed armoniosamente perfette di certe donne e loro continueranno ad invidiare le fragole che tengo ben strette fra le mie.

In ogni caso, vi regalo la ricetta (non mia s’intende, ma di una persona che opera nel settore della fitocosmesi) per autoprodurre una buona crema a base grassa.

Materiale (per Kg di prodotto- eventualmente per dosi inferiori mantenere le proporzioni )

g 220 acqua- g 55 cera d’apig 55 miele (meglio se di acacia per la bassa percentuale di glucosio e la minor tendenza  a cristallizare)g 650 olio d’oliva (o altri oli vegetali compatibili con la cute es. olio di mandorle)g 20 olio essenziale (a scelta- in base all’olio varieranno le proprietà della crema).

Procedimento: sciogliere a bagnomaria la cera con l’olio (fase lipofila); a parte scaldare l’acqua fino a una temperatura di 70°C e scioglierci il miele (fase acquosa).Unire a caldo le due fai e mescolare vigorosamente fino ad ottenere un composto omogeneo, cercando di non inglobare dell’aria al suo interno. Aggiungere l’olio essenziale e mescolare per circa due minuti; poi versare nell’apposito contenitore (precedentemente lavato e sterilizzato con qualche goccia di alcool) e raffreddare in acqua.

Conservazione : di norma è preferibile usare la crema nell’arco di una settimana, ma tenete conto che alcuni oli essenziali hanno di per sè caratteristiche antimicrobiche e antifungine, quindi se presenti nella crema permettono di conservarla fino a 1 mese a temperatura ambiente o 2/3 mesi se in frigorifero. Buona norma è quella di etichettare il prodotto, segnando la data di preparazione e i suoi ingredienti.

3 thoughts on “Mani di fata

  1. come ti capisco! anche io tra ago, fili, spilli, cani, gatti, moto, giardinaggio… non riuscirò mai ad avere mani perfette.. e come te, se mi metto lo smalto, il giorno dopo lo devo già togliere, perchè grattato e rovinato da qualcosa🙂 ma non me ne preoccupo, meglio una vita piena e impegnata che rovina un paio di mani senza smalto piuttosto che mani perfette e la noia !!! :-)))

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...