Pane della festa inattesa ovvero come un pane da colazione si fa merenda

Compleanno n.3 di figlio n.2.

Sarebbe tutto semplicissimo, se non fosse agosto. Le strade iniziano a svuotarsi, le serrande e le imposte restano chiuse in attesa che tutto torni alla “normalità”… la solita frenesia che ci guida fino alle luci a intermittenza del natale, anche se in questo caso non è dicembre, ma ottobre.

E se il compleanno cade malauguratamente nel mese più freddo dell’anno (cit. da Agosto- Perturbazione), non hai scelta: o non si festeggia o lo si fa ad oltranza.

Noi ovviamente abbiamo scelto la seconda possibilità.

Un mosaico di piccole festicciole coi pochi superstiti, per lo più improvvisate e assolutamente sconnesse tra loro, ma un ottimo diversivo per quello che sarebbe un chiaro motivo di tristezza (anche se forse tutto questo sarebbe più verosimile a tredicianni).

Come primo giorno di non compleanno, la candelina di oggi nell’immaginario collettivo è stata soffiata su una fetta di pane.

Ma non un pane qualsiasi, sia chiaro.

PANE AL LATTE, MIELE DI CASTAGNO E CIOCCOLATO

Immagine

Ingredienti

g 100 lievito madre rinfrescato il giorno prima- g 300 farina di grano 0- g 100 farina integrale di farro- g 200 latte tiepido- 2 cucchiai di miele di castagno- due cucchiai di gocce di cioccolato fondente- 1 cucchiaio di malto- 1 cucchiaio di sale.

Immagine

Preparazione

Diluite il lievito madre in circa 150 grammi di latte, aggiungete circa g 230 di farina “0″ . Lasciate riposare per almeno 30′ (autolisi), poi spolverate con la rimanente farina di grano tenero e aggiungete il latte rimasto e il malto. Spolverate poco alla volta con la farina di farro e il sale e lavorate la pagnotta per quindici minuti circa. A lavorazione quasi ultimata, aggiungete le gocce di cioccolato, quindi riponetelo e copritelo e lasciate lievitare nel forno spento per circa tre ore.

A questo punto, rivoltate il contenitore e lavorate la pagnotta schiacciandola delicatamente formando un rettangolo, e fate la piegatura. Rigiratela sulla teglia da forno infarinata e  lasciatela riposare ancora un’ora e mezza circa, coperta dallo stesso contenitore che avete usato per la prima lievitazione.

Scaldate il forno, usando il programma tradizionale, a 250°C e in un pentolino portate ad ebollizione dell’acqua. Quando il forno avrà raggiunto la temperatura desiderata, inserite sul fondo una terrina con l’acqua bollente e infornate a mezza altezza il pane. Dopo 5′ aprite il forno e molto rapidamente spruzzate dell’acqua (in questo modo la crosta manterrà per più tempo l’elasticità necessaria a far gonfiare a dovere la pagnotta).

Cuocete per 20′, poi abbassate la temperatura a 190°C e continuate fino a cottura (ci vorranno circa 15′).

Controllate la cottura con uno stecchino e lasciate raffreddare su una griglia, prima di tagliarlo.

Immagine

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...