Racconti imperfetti e crostoni autunnali

Il sole era splendido questa mattina. I colori autunnali avevano un contrasto unico, ti avvolgevano quel poco in più che serve a riscaldarti l’anima.

Il primo pensiero è stato quello di andar per boschi armata di macchina fotografica e abbandonare tutto il resto, il secondo pensiero, ovviamente, faceva a pugni col primo e mi ricordava che gli impegni vanno rispettati.

Così ho atteso la fine della mattinata, sono andata a prendere figlio n.3 all’asilo, l’ho vestito a dovere ( e quando dico a dovere si sappia che una madre a novembre tende a vestire il proprio figlio come se fosse gennaio inoltrato) e sono andata per boschi. Esattamente come avevo desiderato l’intera mattinata.

Ecco.

Qui termina il racconto perfetto e inizia quello imperfetto, quello vero, quello costretto dentro le mura di casa col naso stampato sui vetri a osservare i colori autunnali.

Perchè figlio n. 3 è crollato fra le braccia di Morfeo ben prima di aver varcato la soglia di casa, perchè la mia fervida immaginazione mi aveva fatto scordare il pavimento imbrattato, la cesta dei vestiti lavati, i letti da rifare e la polvere che roteava allegra come in un film sul vecchio west.

La verità è che le cose non vanno mai  come vuoi tu…

Bisognava comunque inneggiare in qualche modo a questa luce perfetta.

CROSTONI AUTUNNALI LABANEH E FUNGHI PORCINI

Avevo giusto il mio pain de campagne, del labaneh, aromatizzato con menta fresca, aglio e prezzemolo, e dei funghi porcini fatti scaldare in un filo d’olio extravergine, sfumati col vino bianco e spolverati con un cucchiaio di farina di castagne.

Un tocco di colore in più l’ha dato il pepe rosa, per il resto mi è bastato tenere lo sguardo fisso fuori dalla finestra e aspettare qualche ora ancora.

 

5 thoughts on “Racconti imperfetti e crostoni autunnali

  1. L’alternativa non ha rotto la poesia, hai semplicemente raccolto l’autunno e portato sulla tua tavola.
    Il pain de campagne poi rende tutto così romantico. L’avevo fatto anni fa, anch’io col lievito madre e ricordo ancora la colazione fatta in terrazza all’alba (era estate😉 )
    Ciao e buona giornata.

    • Ti ringrazio!E’bello sapere di esser riuscita comunque a trasmettere la poesia di un momento.
      Il pain de campagne sta diventanto uno dei miei preferiti: lo faccio e lo rifaccio e mi piace proprio…anche se una colazioen in terrazza mi manca proprio!🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...