Buona, bella, sana!

L’occasione per una torta la si trova sempre, se poi a dartela sono i ragazzi di Tour de Fork, meglio ancora!

La realtà è che l’idea di riproporre una crostata in vesti differenti mi era già balenata in testa da un po’,la volevo sana e buona, ma decisamente accattivante, che di tristezza ce n’è già troppa in giro!

Così l’ho spogliata di tutto il burro, dello zucchero bianco e delle  farine troppo raffinate. Una torta piccola e leggera, dimentica di creme pasticcere e marmellate, con un tocco di colore e stagionalità.

TARTELLETE ALL’OLIO D’OLIVA CON CREMA DI RICOTTA E MELAGRANA

Ingredienti (dosi per 6 tartellette in pirottini da 8 cm)

Per la base: 110 g farina di farro tipo 0- 70 g farina bianca tipo 0- 60 g farina di mandorle- 100 g zucchero di canna- 80 g olio di oliva extravergine, non troppo pungente- 2 tuorli- un pizzico di sale- la scorza di un limone grattugiata.

Per la crema: 400 g ricotta vaccina- 60 g zicchero di canna- 1 bacca di vaniglia.

Per guarnire: 1 melograno- 1 cucchiaino di zucchero di canna.

Preparazione

In una terrina lavorate i tuorli con lo zucchero, aggiungete il sale e l’olio a filo. Amalgamate le farine a partire da quella di mandorle, passando poi a quella di farro, per finire con quella bianca. Lavorate la frolla fino ad ottenere una palla liscia, non fatela riposare in frigorifero.

Riscaldate il forno a 190°C, stendete la frolla dello spessore di 1,5 cm circa. Rivestite i pirottini con la pasta lasciando il bordo piuttosto alto, praticate dei fori coi rebbi di una forchetta piccola e copriteli con della carta da forno e dei legumi che facciano da peso. Infornate per 8 minuti, togliete i legumi e la carta e ultimate la cottura a 170°C per 5 minuti circa. Estraete e lasciate intiepidire.

Nel frattempo mescolate la ricotta passata al setaccio con lo zucchero e la polpa della vaniglia. Riponetela in frigorifero per circa 30 minuti, così da permettere allo zucchero di amalgamarsi a dovere. Pulite la melagrana, mettetene i chicchi in una terrina e mescolate con il cucchiaio di zucchero.

Togliete le tortine dagli stampi, con una sacca da pasticcere riempitele lasciando un po’ di spazio nel centro per i chicchi di melagrana che distribuirete subito dopo.

Un consiglio: la frolla risulterà decisamente più ostica di quella normale a base di burro, per un po’ ci ho litigato sperando che apprezzasse la mia costanza e per questo decidesse di non sgretolarsi più, ma alla fine ho capito che il trucco stava nel farmi guidare da lei e non il contrario. Quindi, se dovesse rompersi più del solito, fate solo in modo di modellare la pasta attorno al vostro stampo, aggiungendo piccoli pezzi là dove fosse necessario.

Questa ricetta è anche su The Breakfast Review.

6 thoughts on “Buona, bella, sana!

  1. Pingback: Melagrana addicted:un menù a quattro mani! | Con le mani in pasta

  2. Pingback: Melagrana addicted: un menù a quattro mani! « Sweetie's Home

  3. Pingback: And the Winner is… : TourDeFork

  4. Pingback: And the Winner is… | Con le mani in pasta

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...