Verde e bianco

La mia prima volta col cavolo nero, la vedo così, come una storia malinconica e silenziosa, perfettamente incastonata dentro le parole della canzone “Il ragazzo” di De Gregori, canzone che canto spesso, soprattutto dalla nascita di figlio n.2.

“Il ragazzo sale molto spesso sopra un albero.
Che fa? Sceglie un ramo
e cerca il punto esatto dove muore la città.
E’ quasi ora di cena, quando viene giù,
suo padre ormai non lo capisce più.”

Suo padre è lì ad aspettarlo quando rientra a casa.

Lui butta le scarpe di lato e i gomiti sul tavolo senza guardare troppo attorno, per evitare domande indesiderate. La zuppa è un piatto semplice, che preparava spesso sua madre, non richiede impegno e il giorno successivo la si può riscaldare.

I fagioli sgranati la sera prima insieme, nel completo silenzio della stanza, aglio e alloro per insaporire e una manciata di foglie di cavolo prese dall’orto. In qualche giorno fortunato sarebbe stata perfetta con un bel pezzo di salsiccia, oggi no, oggi ci si risparmia.

Dicono che il cavolo nero sia una panacea contro la tristezza, io so solo che il colore cupo delle sue foglie, mi ha attratta e stregata, come soluzione ai miei mali è un buon inizio.

ZUPPA DI CAVOLO NERO E FAGIOLI CANNELLINI

Ingredienti (dosi per 4 persone)

300 g fagioli cannellini – 1 mazzo di cavolo nero- aglio 2 spicchi- 2 foglie di alloro- 1 costa di sedano- 1 peperoncino- brodo vegetale q.b.- sale- olio extravergine.

Preparazione

Mettete in ammollo i fagioli cannellini per circa 12 ore in acqua fredda insieme ai due spicchi d’aglio e all’alloro. Scolate i cannellini e lessateli per circa 30 minuti insieme agli odori. Pulite il cavolo nero, tagliate le foglie e unitele ai legumi, unite anche il sedano e il peperoncino e cuocete fino a quando i fagioli risulteranno morbidi, aggiungendo brodo all’occorrenza. Regolate di sale, frullate una parte dei fagioli e delle verdure e servite con un filo d’olio extravergine.

Un tocco in più:passate delle fette di pane raffermo con dell’aglio, foderate la zuppiera e versateci sopra la zuppa bollente, lasciate riposare 5 minuti e servite.

Con questo post partecipo a Contaminazioni, Food and…Musica, dei Saporidielisa.

9 thoughts on “Verde e bianco

  1. Eccomi! Beh intanto grazie infinite per aver partecipato! E poi lasciami dire che l’accostamento dela cavolo nero alla bella canzone di De Gregori mi piace molto. La ricetta scalda il cuore e mi fa proprio venire voglia di provarla🙂
    Complimenti e grazie ancora ^^

  2. Pingback: Lasagne di pane carasau e pesto di cavolo fiolaro- Meat Free Monday | Con le mani in pasta

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...