Martedì grasso e Strauben

Ammetto che scegliere con cosa celebrare il primo Martedì Grasso del  blog è stata un’impresa ardua.

Un po’ perchè non ho ancora ben capito come ci siamo arrivati fin qui: dalla Rosca de Reyes dell’Epifania al Carnevale, la lunagione è stata così breve che non abbiamo ancora avuto il tempo di digerire gli ultimi dolcetti, neanche il tempo di dire ” …tutte le feste porta via” e ci siam ritrovati con quintali di coriandoli sparsi negli angoli più segreti di borse e cappelli (e io ve lo giuro sulla mia mano destra, -quella che mi serve di più- gli ultimi superstisti dello scorso Carnevale li ho ritrovati giusto qualche settimana fa!).

Forse non ero moralmente pronta al sublime concetto dell’ogni scherzo vale, forse il fatto è che friggere in casa, per il novantanovepercento delle donne, è una vera e propia agonia.

Tutte le donne, infatti, sanno che da un momento all’altro potrebbe lanciarsi nell’olio l’inattesa quanto odiata gocciolina d’acqua, pronta a farsi brillare insieme ai semi d’arachide come un kamikaze o una brutta mina .

Alla fine ho lasciato che vincesse la mia solita malinconia: ho ripensato alle mie bermuda estive, alle ginocchia rigorosamente sbucciate e alla mano rapida dell’uomo che aveva dato vita ad una di queste meraviglie fritte.

STRAUBEN 

(FRITTELLE TIROLESI)

IMG_6188

Ingredienti

200 g farina- 250 ml latte intero- 20 g di burro fuso- 3 uova- 50 g zucchero semolato- 20 ml circa di grappa bianca secca-1 pizzico di sale- olio di semi d’arachide, per friggere.

Per decorare: zucchero a velo e marmellata di lamponi o mirtilli rossi (d’estate salsa di lamponi/ mirtilli rossi freschi).

Preparazione

Montate a neve ben ferma gli albumi, con un pizzico di sale.

Mescolate la farina con lo zucchero, facendo attenzione a non formare grumi, versate il latte, aggiungete il burro fuso, la grappa e i tuorli d’uovo.

Aggiungete gli albumi al composto lavorando dal basso verso l’alto, delicatamente.

Con l’aiuto di una sacca da pasticcere, dotata di beccuccio liscio e non troppo largo, fate colare il composto nell’olio bollente seguendo un movimento circolare, ma non troppo regolare e lasciare friggere fino a che non diventa dorato, girate delicatamente, quindi passate su una carta assorbente.

Servite gli Strauben ancora caldi cosparsi di zucchero a velo con marmellata di lamponi o mirtilli rossi.

IMG_6191

Il problema è che, con la stessa facilità con cui riuscirete a prepararli, gli Strauben tenderanno a …sparire!

6 thoughts on “Martedì grasso e Strauben

    • Grazie!
      L’alzatina è un piccolo vezzo che mi son concessa🙂
      Ho visto le tue frittelle di patate, ti confesso che erano in lizza come possibile opzione,le terrò in considerazione per il prossimo Carnevale!

  1. e’ vero, l’alzatina è stupenda🙂 e pure questi Strauben!chissà che buoni!d’altra parte tutte le ricette che hai portato da quel tuo luogo di vacanza sono sempre buonissime,una garanzia insomma!

  2. Questi dolcetti non li ho persi di vista un attimo in questi giorni e oggi finalmente riesco a fermarmi e gustarmeli con gli occhi e una certa acquolina, lo sai perchè? perchè a me i dolci fritti mi fanno impazzire e a loro dico sempre di sìììììì!!!!!!!!!!!!Un bacio!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...