Pelle splendida

Questo post non doveva essere, almeno fino a un’ora fa.

Ma se non sai come lavare via quella sensazione di peso al cuore, nemmeno dopo tutta questa pioggia, allora scrivi.

E canti.

Vecchie canzoni che somigliano molto più a un ricordo che a una canzone e sei consapevole che hai bisogno di una dolce che sia in tutto e per tutto la tua grazia ricevuta.

Una torta “stringimi Madre ho molto peccato,ma la vita è un suicidio, l’amore un rogo”. Una torta di puro piacere.

FONDANT AL CIOCCOLATO AMARO

IMG_6739

Questa dolce è il perfetto sodalizio tra la morbidezza del tortino con cuore fondente e la semplicità della torta al cioccolato.

In più per facilità e tempi rende felice anche la cuoca meno dotata: quarantacinque minuti esatti dalla preparazione alla cottura, pulizia compresa.

Ingredienti (1 stampo piccolo da 15 cm)

125 g cioccolato amaro al 70 %- 100 g burro a tocchetti- 2 uova grandi- 50 g zucchero a velo- cacao amaro (per spolverare la tortiera)- zucchero a velo per decorare.

Preparazione

Riscaldate il forno a 180°C.

Sciogliete il cioccolato a bagnomaria, col burro a tocchetti. A parte lavorate le uova con una frusta e incorporatevi lo zucchero a velo. Aggiungete il tutto al composto col cioccolato sempre lavorando con la frusta. Versate nello stampo già imburrato e spolverato di cacao.

Infornate per 35 minuti.

Sfornate, lasciate intiepidire e spolverate con lo zucchero.

IMG_6750

Intanto è tornato anche il sole…

Tortino di cioccolato con cuore fondente

Questa è una ricetta che fa male. Soprattutto se la guardi e non la puoi mangiare: la guardi e stai male.  Soffri di un dolore quasi fisico, ti sciogli esattamente come il suo cuore e ti ricordi il significato perduto della parola “romanticismo”.

Dev’essere colpa della colata lavica che invade il piatto quando affondi il cucchiaio o del profumo persistente del cioccolato che riveste le pareti di casa e rende tutto così ovattato…

Quindi perdonate la foto imperfetta, che davvero non rende la dovuta giustizia a questa creaturina, ma sarebbe stato più scortese tenere per me la ricetta, non siete d’accordo?

TORTINO DI CIOCCOLATO CON CUORE FONDENTE

Di ricette di questo tortino ce ne sono a mazzi, dopo aver letto quasi tutte quelle reperite in rete sono arrivata alla conclusione che questa per me era la migliore, con un’unica variazione per la quantità di uova e dello zucchero.

Altra nota dolente ero senza panna, ma credete che questo mi abbia frenata?

Ingredienti (dosi per 4 tortini)

150 g di cioccolato fondente- 100 g di burro non salato- 2 uova- 1 tuorlo- 55 g di zucchero a velo- 2 cucchiai di farina, setacciata- panna fresca per servire.

Preparazione
Scaldate il forno a 180°. Sciogliete insieme il burro con il cioccolato a bagnomaria e mescolate finché il composto è liscio e lasciate raffreddare. Mettete in una ciotola le uova, i tuorli e lo zucchero e sbattete fino a che il composto sarà chiaro e spumoso. Incorporate delicatamente la farina e cioccolato fuso, sbattete bene. Versate il composto in 4 cocottine da 250 ml leggermente imburrate. Infornate per 12-15 minuti o finché i pudding sono gonfi. Guarnite con la panna montata leggermente zuccherata e servite.
Nota: questi tortini si possono preparare il giorno precedente e mettere in frigorifeero,  toglieteli qualche ora prima prima di infornarli, così da riportarli a temperatura ambiente.

Cioccolato e peperoncino per un buon inizio

E’ lunedì e il lunedì è un giorno difficile un po’ per tutti, più ancora se si è appena rientrati da poche ore da una breve, ma felicissima vacanza. Potrei stare qui a lagnarmi sul perchè finiscano tanto in fretta le belle cose, invece ho scelto l’opzione “b”, ovvero: dare un bel colpo di coda al lunedì, qualunque esso sia.

Così, dopo la torta di grano saraceno di lunedì scorso,  una torta che è un connubio di peccati che permangono un po’ più a lungo sulla vostra lingua, così da farvi dimenticare tutti e sette i giorni della settimana.

TORTA AL CIOCCOLATO FONDENTE E PEPERONCINO

Ingredienti (dosi per uno stampo da 21 cm)

300 g cioccolato fondente extra- 125 g burro- 150 g zucchero di canna-6 uova- 5 cucchiai di grappa bianca- 1 cucchiaino di peperoncino- cacao amaro per decorare e per infarinare lo stampo.

Preparazione

Riscaldate il forno a 180°C. Sciogliete a bagnomaria il cioccolato fatto a pezzetti insieme al burro. Montate i tuorli d’uovo con 2/3 del peso dello zucchero fino ad ottenere un composto bianco e spumoso. Incorporate il cioccolato fuso e mescolate. Aromatizzate con i cucchiai di grappa e con il peperoncino.
Montate gli albumi a neve con lo zucchero rimasto, incorporate gli albumi al composto di cioccolato e mescolate molto delicatamente.
Versate il tutto in una teglia precedentemente imburrata e infarinata con il cacao amaro. Infornate per 30 minuti, poi abbassate a 120°C e cuocete per altri 10 minuti.
Spegnete il forno, lasciate riposare il dolce per cinque minuti poi prelevate e lasciate raffreddare. Spolverizzate con cacao amaro in polvere e servite.

Buona fortuna e buona settimana!

I miei primi cookies

Stavo giusto cercando un’ispirazione, ieri. Saltellavo qua e là tra le ricette indecisa sul da farsi. Sì, perchè un sabato di pioggia non capitava da un po’ e questo cielo mi da la scusa giusta per affogare il tempo.

Non tanto per caso sono capitata qui e ho pensato che nemmeno io avevo mai cucinato dei cookies prima. Il che non è necessariamente un dramma, ma riflette molto il mio pensiero rispetto all’America e alla  sua politica estera.

Sarà perchè gli spocchiosi e i prepotenti non mi sono mai piaciuti, fin dai tempi della scuola, sarà perchè io stavo inevitabilmente dalla parte di quelli che in qualche modo tentavano di difendersi, ma erano pur sempre “i tartassati”, comunque ho cominciato solo da qualche anno a rivalutare la possibilità di interagire culturalmente col paese nemico.

Sì, perchè anche se non eccelle in storia gastronomica, il nemico vince sicuramente per: ampiezza del paesaggio, Berkley e i movimenti studenteschi, per la musica-tanta musica-, Seattle e il grunge, il rock’n’roll e le gonne a ruota, la route 66…e potrei andare avanti per ore.

E  cosa c’è di più made in U.S.A. dei cookies?

Cominciamo da qui.

Le ricette che si trovano in circolazione sono davvero tantissime. Io, oltre all’immancabile Sig.ra Peltre, mi sono affidata alla ricetta pubblicata qui , sono arrivata ad un giusto compromesso tre le due e gli ingredienti che avevo in casa et voilà!

COOKIES AL CIOCCOLATO

Ingredienti
g 150 farina di riso- g 140 farina tipo 0 – g 40 di farina di mandorleg 200 zucchero di canna- g 200 burro-2 uova (1 intero e un tuorlo)- 1 cucchiaino raso di bicarbonato- g 100 gocce di cioccolato fondente- 1/2 cucchiaino di sale- 1 cucchiaino estratto di vaniglia .

Preparazione
Preriscaldate il forno a 190°. Setacciate insieme le farine, il bicarbonato, il sale e il lievito. In un tegame fate sciogliere 180g di burro a fuoco basso e quando avrà assunto un colore ambrato e nocciola aroma (da uno a 3 minuti) versatelo ancora caldo in una ciotola ed aggiungete il rimanente burro, lo zucchero, la vaniglia mescolando finchè il tutto non sarà perfettamente amalgamato. Unite anche il tuorlo e l’uovo intero e sbattete il composto fino ad ottenere un composto liscio e senza grumi, circa 30 secondi. Lasciatelo riposare per 3 minuti, poi sbattete per altri 30 secondi. Ripete questa operazione (riposo – lavorazione) per un’altra volta ancora o fino ad ottenere un composto denso, liscio e lucido. A questo punto, con l’aiuto di una spatola aggiungete un po’ per volta la farina ed infine le gocce di cioccolato. Dividete l’impasto, formando dei mucchietti grandi quanto una pallina da golf, che andrete ad adagiare, ben distanziati tra loro, sulle teglie rivestite con carta forno. Cuocere i biscotti finché i bordi saranno leggermente dorati ma il centro ancora morbido, da 10 a 14 minuti, e ruotando la teglia a metà cottura. Sfornare, trasferite i cookies sopra una griglia e lasciate raffreddare.

Cose per cui vince il nemico

Dimenticavo di aggiungere che, tra le cose per cui vince ampiamente il nemico, c’è il mio idolo adolescenziale.

Malattie adolescenziali