Orto: fase II^

Sulla pelle, nell’aria, i prati hanno già cambiato vestito e, negli angoli più assolati, si intravedono già i ciuffi ricciuti di erba cipollina che mi ricordano l’arrivo della bella stagione.

La primavera è vicina, lo dice anche il calendario, anche se oggi fatichiamo un po’ di più a crederlo, non c’è più alcun dubbio!

Se nel mese di febbraio avevamo già accennato ai possibili lavori di progettazione e preparazione per intraprendere un orto familiare, marzo non può che essere il mese dell’azione!

II^ FASE: AGIRE

IMG_6248

Per chi possiede un piccolo pezzo di giardino, per i lavori può rifarsi a quanto detto nello scorso post, per chi invece possiede un orto sul terrazzo o sul balcone o ha intenzione di intraprenderne uno, ecco quali sono i lavori per il mese di marzo:

Pulizia e preparazione vasi:

Vasi e fioriere possono essere acquistati nuovi in qualsiasi garden attrezzato, ma se ne avete già della stagione precedente o in regalo da chi non usa più, questi mesi sono perfetti per dedicarsi alla pulizia delle future dimore delle piantine:

  • vasi in terracotta: basta lavarli accuratamente. Per eliminare ogni traccia di calacare metteteli in ammollo per 2- 3 ore in acqua e aceto in parti uguali oppure solo aceto (in caso di incrostazioni resistenti), spazzolateli, risciacquateli e poi metteteli ad asciugare all’aria.
  • vasi e fioriere in legno: il legno è un materiale più delicato, la manutenzione deve essere fatta periodicamente, usando prodotti specifici per il legno quali carta per carteggiare, impregnante e vernice.
    Se il vaso o la fioriera da trattare è in buono stato basterà spolverarla ben bene con uno straccio umido, fate asciugare all’aria e infine date una o più mani di impregnante e, se lo ritenete necessario, una mano di vernice.
    Se la superficie da trattare è alquanto rovinata, sarà necessario carteggiare con carta abrasiva, spolverare, applicare l’impregnante e dopo la mano di vernice.

Acqua

Un altro argomento fondamentale per iniziare è riflettere sull’utilizzo dell’acqua. In generale, anche per gli orti classici, è buona cosa provvedere all’acquisto di un piccolo impanto a goccia a tempo: questo per evitare sprechi inutili di un bene così prezioso.

Fatevi un’altra domanda: Dove finirà l’acqua che utilizzo per irrigare?
I vasi dovranno permettere un buon drenaggio dell’acqua ed evitare i ristagni.Quando progettate un orto sul terrazzo, dovete tenere conto anche della gestione dell’acqua superflua. Ogni vaso deve essere ben drenato grazie a un apposito strato posto sul fondo del vaso, di solito dato dall’utilizzo dell’argilla espansa.

Lo strato drenante è utile affinché l’acqua non ristagni. Per il medesimo motivo è importante fare in modo che il vaso non sia poggiato tutto sul suolo ma che ai due margini siano disposti dei mattoni in terracotta che provvedono a creare un corridoio d’aria sotto ogni vaso. Se utilizzate le casse da coltivazione, spesso queste portano dei rialzi laterali così potete evitare l’impiego dei mattoni in terracotta.

Le semine

Sono numerose le piante che potrete scegliere di seminare in vaso, ma sicuramente alcune sono più agevoli.

In questo mese potete iniziare la semina di : basilico, carota, lattuga, aglio, cipolla, ravanello, prezzemolo, sedano e piante aromatiche (salvia, rosmarino).

Per chi invece ha un orto più classico, invece ecco qualche varietà in più:

 In semenzaio freddo – sedano, bieta da taglio, cicoria, rucola, crescione, piselli, fave, lattuga da taglio, indivia, valerianella, cipolla, prezzemolo, ravanello e cavolo cappuccio, patata, topinambur.

In semenzaio riscaldato – zucchina, pomodoro, melanzana, peperone, peperoncino.

Posso solo augurarvi, buon lavoro!

Annunci

Un nuovo progetto

L’inverno è solo apparentemente una stagione morta.

E’ più lenta, indubbiamente, ma in Natura l’inverno ha un suo movimento, impercettibile, che perdura per tutti i tre mesi.

E’ una sorta di rito preparatorio, dove le piante trovano il tempo per dare spazio alla stanchezza e ricaricano le energie, che esplodono in profumi e colori con l’arrivo del primo sole primaverile.

Quale migliore stagione per progettare?

Con oggi vorrei dare il via ad una nuova iniziativa, che in verità sta nella mia testa da quasi un anno, ma trattandosi di un discorso piuttosto articolato, aveva bisogno di tempo per arrangiarsi a dovere.

Una rubrica dedicata alla realizzazione di un piccolo orto familiare.

Cascina Novellè (11)

Cascina Novellè (12)

Chilometro zero, sostenibilità ambientale, decrescita, possono essere solo dei termini sentiti o letti per caso in qualche articolo, oppure possono divenire un vero e proprio stile di vita.

Condividere l’esperienza è doveroso, per questo cercherò di fare un bel gruzzolo ordinato di tutto il sapere accumulato negli anni e proverò di condividerlo con voi.

Che abbiate un piccolo ritaglio di terra dietro casa o un balcone, poco importa, cambierà la fase di progettazione, cambieranno le quantità e alcuni accorgimenti, ma le semine, le modalità di trattamento e di coltivazione saranno molto simili.

I^FASE: PROGETTAZIONE ED ANALISI

L’inverno è il periodo ideale per definire questa fase.

Alcuni fattori sono fondamentali per una buona riuscita: caratteristiche del terreno (fisiche- struttura- e chimiche- composizione), su cui farò un piccolo approfondimento più avanti,  e la posizione, possibilmente soleggiata per almeno 6 ore al giorno, protetta dai venti, con poca ombra.

Inoltre, nel progettare l’orto bisogna tenere conto della vicinanza o meno di fonti d’acqua con cui mantenere e irrigare le piantine e il raccolto.

L’ideale è istallare delle piccole vasche per il recupero delle acque piovane e avere comunque la possibilità di reperire acqua potabile in punti prossimi al vostro orto.

Il passaggio successivo è quello di prendere carta e penna e di disegnare il vostro orto.

Vi lascio il link di una pagina interessante da cui potrete prendere qualche spunto, sia per orti di grandi dimensioni, che per piccoli orti sul balcone. Se invece, volete avere un orto in versione 2.0 e crearlo da zero in maniera del tutto tecnologica, potete fare un salto nella community di Grow the Planet e progettare passo dopo passo il vostro orticello, sarà sufficiente iscrivervi e seguire le indicazioni che troverete sul sito.

IMG_5618

Se avete già stabilito quale area del vostro giardino adibire ad orto e fremete dalla voglia di iniziare, ecco quali sono i lavori che potete fare nel mese di febbraio:

Terreno
Lavorare il terreno e interrare il letame o compost maturi. Se si è formata una crosta superficiale, rompetela usando un forcone se non è sufficiente calpestarla con i piedi. A questo punto potete anche dissodare il terreno per le prossime semine con una vanga e rivoltarlo in modo che la parte più profonda rimanga esposta alla luce e all’aria mentre la parte superiore, più sfruttata, venga interrata.

Attrezzi
L’inverno è il periodo giusto per fare un buon inventario: controllate se gli attrezzi hanno bisogno di qualche manutenzione o se vi manca qualcosa, inoltre teneteli al riparo perché non siano danneggiati dalle intemperie.

IMG_6239
Cenere
La cenere di legna è un fertilizzante prezioso. Ricca di fosforo e magnesio, può essere sparsa sul terreno durante la lavorazione o nei solchi delle semine. Conservatela per la messa a dimora delle piante, potrete addizionarla alla terra nelle buche o ai piedi delle piantine dopo averle trapiantate.

Cosa coltivare

Prima di tutto cercate di scegliere le verdure da coltivare, reperite dei buoni semi biologici o nei negozi o da chi li autoproduce.
In base alla fascia climatica in cui vi trovate, potrete seminare, in piena terra, bietola da coste, ceci, fave, aglio, scalogno, carota, spinaci, piselli.
In semenzaio (freddo o riscaldato) potrai seminare già molte altre varietà.

 In semenzaio freddo – sedano, cicoria, rucola, crescione, lattuga da taglio, valerianella, cipolla, prezzemolo, ravanello e cavolo cappuccio.

In semenzaio riscaldato – basilico, pomodoro e peperoncino.

Piccolo frutteto

Se ne avete la possibilità e decidete di iniziare anche la coltivazione di qualche pianta da frutto, definite quali mettere a dimora, magari facendo una ricerca sulle piante che venivano coltivate nel vostro territorio anche anticamente…febbraio è il mese giusto!

Si piantanto o trapiantano alberi da frutto con fioritura primaverile. Se non si è ancora in fase di gelate, si possono piantare nuovi alberi da frutto. Per piantare adeguatamente una pianta da frutto predisponete una buca di circa 50-60 cm di profondità e di 40-50 cm di diametro. Sul fondo della buca concimate il terreno con del compost ben maturo e  ricoprite con uno strato di terra di 10 cm circa, in modo che le radici non entrino in contatto con lo stesso, poi posizionate la pianta al centro della buca. La buca dovrà essere ricoperta con un terriccio  misto (terra, torba e humus) e pressate bene per stabilizzare la pianta ed evitare che le radici entrino in contatto con l’aria.
E’ meglio non potare le piante durante i mesi più freddi, al fine di evitare che le gelate rovinino i rami. Se il clima ve lo permette, potate i rami in fase di luna calante. E’ inoltre importante spargere del compost maturo intorno alle piante da frutto già a dimora, senza toccare il tronco, e vangare la terra circostante, così da garantire il nutrimento adeguato per le “operzioni primaverili”.

Cure anti-parassitarie per il frutteto

In questo periodo vengono effettuati trattamenti preventivi su alberi da frutta con neem, macerati o bordolese.

Nebbiolina

E se avete ancora bisogno di un motivo per farlo, sappiate che i benefici dell’orticultura sono oggetto della ricerca scientifica da più di trent’anni e che è stata provata la capacità dell’ortoterapia di avere un effetto positivo sul benessere psicofisico delle persone indipendentemente dalla presenza o meno di uno stato di patologia.

Ultima conserva dell’estate:pomodorini confit

Cosa fa una donna saggia, madre di tre figli, con lavastoviglie e lavatrice in panne e un esercito di cose da fare? Esce nell’orto e va a cogliere gli ultimi pomodorini della stagione, ovvio.

No, non sono pazza, o almeno questo è quello che mi piace credere, ma ci sono cose che non si possono rimandare: i pomodori confit non possono aspettare. Non ora che la minaccia dell’autunno incombe insieme a quei piccoli animaletti fastidiosi che disegnano delle lentiggini gialle sulla pelle dei pomodori. I panni possono aspettare (almeno fino a questa sera)!

Così, mentre attendo che l’oblò della lavatrice riprenda a girare da solo per magia, prima che anche il forno decida di abbandonarci, vi scrivo rapidamente la ricetta.

POMODORINI CONFIT

Ingredienti (dosi per 2 teglie)

g 600  di pomodorini (piccadilly o altri)- due cucchiai di zucchero di canna- olio extravergine di oliva- sale- pepe-a piacere: aglio- timo- maggiorana- origano.

Preparazione

Lavate bene (meglio se col bicarbonato) ed asciugate i pomodorini. Tagliateli a metà. Disponeteli in una teglia, uno accanto all’altro, con la parte tagliata verso l’alto. Salate e pepate leggermente, cospargeteli con poco zucchero per togliere l’acidità dei pomodori, unite, a piacere, aglio a fettine e gli aromi scelti. Irrorate con olio e infornate a 125° per un’ora e 30′, finchè risulteranno appassiti e caramellati.

Se volete conservarli, metteteli insieme all’aglio cotto e agli aromi in un vaso precedentemente sterilizzato e copriteli con olio extravergine, saranno ottimi per dare un tocco in più alle vostre ricette o per un aperitivo.