Macchie di giallo

Non c’è più alcun dubbio: l’autunno ci è cascato in testa, come ogni anno.

S’intravedono persino le prime macchie di giallo in tutto questo verde, si capisce che  è solo una questione di tempo: poco ancora e il verde si svestirà per buttarsi addosso tutti i toni di rosso/arancio che conoscete. Sono tutti un po’ indispettiti, perchè l’idea non fa assolutamente piacere, ma la verità è che ci vuole solo un po’ di sano allenamento.

Io guardo questi cieli neri e riesco solo a pensare “Zuppa!”o “Crema!”: ricette che ti scaldano anche gli angoli più cupi dell’anima…dopotutto ognuno ha le sue manie!

CREMA DI ZUCCA CON GUANCIALE, FUNGHI PORCINI E MANDORLE

(tutto rigorosamente sfumato con una buona birra)

Ingredienti (dosi per 4 persone)

g 5oo zucca- g 300 patate- maggiorana- 1 cipolla piccola- 1,5 l di brodo vegetale- 2 fette di guanciale- g 150 funghi porcini- mandorle a lamelle- un bicchiere di birra doppio malto- olio extravergine.

Preparazione

Pulite le verdure e tagliatele a tocchetti. Tagliate la cipolla finemente e lasciate soffriggere in un filo d’olio extravergine, versate le verdure, la maggiorana, rosolate e sfumate con mezzo bicchiere di birra. Non appena sarà evaporato l’alcool, coprite col brodo vegetale. Lasciate sobbollire per quasi un’ora (o comunque per il tempo necessario a cuocere le patate e la zucca). Nel frattempo tagliate il guanciale a julienne, fatelo rosolare in un tegame antiaderente, aggiungete i funghi e un paio di cucchiai di mandorle e, una volta tostati, sfumate con la restante birra.

Regolate di sale la zuppa, passatela con il frullino a immersione, servite con il guanciale, i porcini, le mandorle e un filo d’olio a crudo.

E se non riuscite a consolarvi nemmeno con questa ricetta, avete una buona scusa per finire la bottiglia di birra!

Annunci

Brunch domenicale

Voglia di cucinare prossima allo zero.

Ovviamente la prole non considera nemmeno lontanamente di girare le lancette del proprio orologio biologico, che si tratti della sveglia, o del pranzo: la fame è fame, con o senza voglia di accingersi a cucinare da parte della sottoscritta.

Alle 11.3o è troppo tardi per imbandire grandi pranzi domenicali…e se provassimo con un brunch?

Faccio un veloce esame visivo di cucina e frigorifero: pane, formaggi, qualche salume, yogurt, frutta di vario tipo, certo manca una bella torta, e forse qualcos’altro.

Uova.
Le regine delle colazioni salate.

OMELETTE AUTUNNALE

Ingredienti (dosi per due persone)

4-5 uova- g 150 finferli freschi o congelati- 3 cucchiai di nocciole- prezzemolo- g 150 taleggio- burro- sale- pepe rosa- 1 spicchio d’aglio.

Preparazione

In un mortaio, o se siete più comode in un mixer, fate un pesto con le nocciole con qualche ciuffo di prezzemolo. In un tegame, fate soffriggere l’aglio e aggiungete i funghi, sfumate con dell’acqua bollente, salate, pepate e aggiungete del prezzemolo tritato. Portate a cottura e spegnete. A parte, sbattete le uova, salatele e unitevi il pesto.

In un altro tegame, scaldate una noce di burro e versate il composto con le uova e il trito di nocciole. Quando sarà quasi del tutto rappreso, guarnite col formaggio e i funghi, richiudete e servite.

Errata corrige per i più attenti

Posso parlare di ultime conserve e dimenticare di inserire la ricetta?

Sì, posso.

E Freud avrebbe parecchio lavoro con la sottoscritta…comunque.

FUNGHI PORCINI SOTT’OLIO

Prima di darvi la ricetta, qualche consiglio:

  • Mai lavare i funghi : la loro consistenza spugnosa, fa sì che assorbano immediatamente l’acqua. Quest’operazione andrebbe a scapito del sapore dei funghi.
  • Pulizia a secco: eliminate le parti terminali terrose con un coltellino, quindi strofinate delicatamente con un panno umido, sia le cappelle che i gambi per eliminare ulteriori residui.

Ingredienti (dosi per 3 vasi da mezzo litro)

1 kg funghi porcini- 1/4 l di aceto di vino- 1/4 l di vino bianco- pepe nero in grani- 4 foglie di alloro (più una per ogni vaso)- olio extravergine di oliva- sale.

Preparazione

Versate in una casseruola a fondo spesso l’aceto, il vino e un litro d’acqua, aggiungete il pepe, l’alloro e una presa di sale. Dopo aver pulito i funghi, tagliate i più grossi nel senso della lunghezza, in fette spesse, e lasciate i più piccoli interi. Tuffate i funghi nella pentola, non appena il liquido raggiungerà il bollore. Scottateli per 2 minuti, toglieteli con una schiumarola e stendeteli su un canovaccio ad asciugare. Sistemate i funghi nei vasi, insieme a una foglia di alloro e un paio di grani di pepe. Cercate di ottimizzare gli spazi, sistemandoli con il lato tagliato verso la parete, ma con delicatezza per evitare di romperli. Coprite d’olio e battete il vaso, per togliere eventuali bolle d’aria. Avvolgete i vasi in un canovaccio e procedete con la sterilizzazione: inserite i vasi in una pentola capiente, coprite con acqua fredda e superate i vasi di 4/5 cm. Portate ad ebollizione e calcolate 15 minuti dal bollore. Lasciate raffreddare nella pentola e conservate in un luogo fresco e buio. Aspettate un mese prima di consumarli.

Nota: se tagliando i funghi scoprite che non sono sani come avreste desiderato, non buttateli! Piuttosto tagliateli in fette di 5 mm di spessore e infilateli con un grosso ago, poi lasciateli in luogo caldo e areato per il tempo necessario alla loro completa essicazione. Una volta pronti metteteli in un vaso pulito ed ermetico con qualche grano di pepe, in questo modo si conserveranno davvero a lungo.

Bilanci e ultime conserve

Quando per casa comincia a girare il profumo di fungo non c’è più dubbio: le vacanze sono arrivate al termine. E per me è tempo di resoconti e di nuovi inizi.

Non è un anno buono. Non lo è per molti. E in questo caso ammetto che far parte di una moltitudine non consola particolarmente…

“Mettiamo da parte i progetti buoni per tempi migliori”, così penso mentre finisco di preparare i funghi per l’inverno. Chiudiamoli per bene dentro un sacchetto…chissà se ci sarà un momento per ravvivarli ancora.

Immagine

È tempo di..

Agosto, tempo di vacanze, di sole e di mare. Non solo, è anche tempo di raccolto,di verdura fresca, di piogge veloci e di funghi nei boschi. Allora ecco qui, a vacanze quasi finite, una semplice ricetta dal profumo invitante e che sa di montagna, giusto per combattere la calura persistente..quantomeno col pensiero.
Farfalle integrali con porcini e salsiccia

Ingredienti per 2 persone
Un grosso fungo porcino fresco
Un pezzo di salsiccia
Un pomodoro cuore di bue
150gr farfalle integrali
Scalogno, olio, sale

Tritare lo scalogno e farlo imbiondire in una pentola antiaderente. Nel frattempo affettare il fungo e sgranare la salsiccia, buttare tutto in padella e cuocere per 15 minuti. Tagliare il pomodoro a cubetti dopo averlo privato dei semi e aggiungerlo al sugo, salare e cuocere per altri 10 minuti. Cuocere le farfalle e una volta pronte farle saltare in padella insieme al condimento.

20120825-134145.jpg